Varie ed eventuali

Sono spesso grato del fatto di aver un blog. Grato non so a chi, considerando che me lo pago e me lo gestisco io. Diciamo grato del fatto che possa farlo.

In ogni caso credo che mi aiuti molto lo scrivere ciò che penso e ciò che mi affascina, senza preoccuparmi tanto di chi lo legge e del perchè. Mi piace l’idea di poter prendere, aprire un nuovo articolo e scrivere quello che mi passa per la testa.

In questo momento, infatti, mi è venuta voglia di parlare un po’ di come sia ingiusta la vita. Non trovate? Tu sei lì, ti fai lo sbatti per far sì che le cose vadano bene (e le cose effettivamente vanno bene), quand’ecco che l’inculata arriva. Può arrivare leggera, nascosta, pian piano. E quando te ne accorgi è già troppo tardi.

Poi arriva quella più dolorosa, l’inculata stratosferica, che ti uccide. Tu sei lì, calmo, gustandoti le bellezze della vita, quand’ecco che arriva come una martellata sui testicoli. E soffri. Tanto.

Il mondo non è un luogo per i giusti.

Citando una canzone dei Paramore, io per essere pessimista sono abbastanza ottimista. E questo è un bene, perchè non vedo solo lo schifo nel mondo. Tuttavia troppe esperienze mi han fatto capire che il mondo non è fatto per essere giusti. Se così fosse molte persone non avrebbero ciò che ora hanno, altre invece sì. Insomma, tutto sarebbe diverso. Forse anche noioso, chi lo sa. Ma diverso.

Per ora mi trovo a descrivere il mondo come ingiusto. Spero di essere smentito. Ma la mia ottimistica visione pessimista della vita mi spinge a pensare che no, non verrò smentito.

(Non sembra un post un po’ da emo? Del tipo “nessuno mi vuole bene quindi mi taglio le vene”? Bè un po’ sì, ma non è questo l’intento. Alla fine io vivo la mia vita normalmente e mi piace pure. Solo che rimango troppe volte deluso, tutto qui. Non mi taglierò le vene, non preoccupatevi 😀 )

Un commento su “Varie ed eventuali”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.